Incameramento cauzione definitiva


Quando si parla di incameramento cauzione definitiva, si compie un riferimento dettagliato a una serie di regole specifiche previste a proposito di quest’argomento e, proprio in virtù di tali disposizioni, si può giungere alla valutazione certa che un ruolo fondamentale su cui si basa la disciplina delle ipotesi considerate in materia, è rappresentato dalla figura di chi stipula il contratto.

Come sappiamo, durante il periodo attinente all’aggiudicazione dell’appalto si parlerà di cauzione provvisoria, giacché i partecipanti alla gara avranno l’obbligo di accompagnare l’offerta con una caparra allo scopo di presentare una garanzia sufficiente a rendere efficace e valida la loro proposta.

L’esecuzione del contratto

L’esecuzione del contratto dovrà essere resa certa dall’intervento di un fideiussore, presentato dal concorrente, che dovrà assumersi la responsabilità e l’impegno di porre garanzia, a proposito del compimento contrattuale, nell’eventualità in cui si rivelasse come affidatario.

Liberata la cauzione di tipo provvisorio, chi prevarrà avrà l’obbligo di compiere una garanzia di tipo fideiussorio corrispondente al 10 per cento del costo contrattuale.

L’incameramento della cauzione definitiva prevede come presupposto essenziale, l’individuazione e l’identificazione specifica di chi copre il ruolo di esecutore del contratto.

La richiesta di incameramento cauzione definitiva

Si procede alla richiesta d’incameramento della cauzione definitiva, nel momento in cui si determina la conclusione del contratto a causa d’inadempimento e grave inottemperanza a carico dell’appaltatore.

In genere il procedimento deve essere richiesto mediante una lettera d’incameramento cauzione definitiva, e l’amministrazione potrà ottenere su questo strumento di garanzia una rivalsa limitata esclusivamente all’ammontare del suo valore.

Determina l’incameramento della cauzione definitiva come fattore essenziale, la specificazione del tipo di danno arrecato.

Precisazioni

In conclusione occorre precisare che l’incameramento della cauzione definitiva, non può avvenire in modo automatico e la garanzia non impone alcun tipo di limitazione e ostacolo alla valutazione e determinazione del danno procurato, che dovrà essere ovviamente adeguatamente risarcito sulla base delle norme disposte.