Svincolo fideiussione oneri urbanizzazione


Lo svincolo fideiussione oneri urbanizzazione costituisce uno strumento con il quale è garantito l’adempimento degli obblighi scaturiti dagli accordi assunti dai diversi costruttori, sia nell’ambito di oneri di urbanizzazione primaria, sia in quelle secondarie.

Oneri urbanizzazione primaria e secondaria

Gli oneri urbanizzazione primaria comprendono i servizi e le opere che contribuiscono a rendere edificabile un’area e, in seguito, fruibile al pubblico. In questa categoria, quindi, rientrano le strade, i parcheggi, la rete del telefono e via dicendo.

Quelli di natura secondaria, invece, comprendono tutti i servizi atti al funzionamento della vita comunitaria come le scuole materne, gli asili nido, ecc.

A tal proposito, le cauzioni sono di varie categorie. Vi sono, infatti, quelle per appalti pubblici in cui sono ricomprese le cauzioni provvisorie che danno la possibilità di prendere parte alle gare di appalto, garantendo, dopo, l’osservanza degli obblighi e le cauzioni definitive che si propongono di garantire un’esecuzione corretta dell’appalto da parte dell’impresa che è riuscita ad aggiudicarselo e molte altre ancora.

Un’altra categoria è rappresentata dalle cauzioni per contratti tra privati che comprendono subappalti, permute, fedeltà e altro.

Come richiedere lo svincolo fideiussione oneri urbanizzazione?

Ma come fare la richiesta dello svincolo fideiussione oneri urbanizzazione? Innanzitutto, è necessario avere in proprietà l’area in cui edificare o l’edificio che sia riconosciuto giuridicamente. Ebbene la richiesta di svincolo deve essere esibita allo Sportello Unico Amministrativo ubicato nel comune di residenza, accludendo i versamenti che si riferiscono alle relative rate. Solo dopo sarà comunicato all’interessato e all’ente che ha rilasciato la polizza, che è avvenuto lo svincolo della polizza fidejussoria.

Tutto questo procedimento, quello dello svincolo fideiussione oneri urbanizzazione, richiede una quindicina di giorni e, tra l’altro, non prevede alcuna spesa per il cittadino. In altre parole si tratta di uno strumento, quello in esame, con il quale si chiede la restituzione della polizza. È bene sapere, per concludere, che esso deve essere presentato dopo il pagamento anche della rata ultima.