0362 1900813 Faq | Glossario | Guida Fideiussioni | Guida Appalti | Mappa Sito Area riservata

Istanza rimborso IVA

Richiesta Preventivo Gratuito

Compila il modulo con i tuoi dati per ricevere dettagli ed aggiornamenti.



Lette le Condizioni d'uso e l’Informativa privacy dichiaro:

di aver acquisito su supporto durevole la documentazione informativa di legge.*

di acconsentire al trattamento dei miei dati per l’invio, da parte di Fit srl Società Benefit, di comunicazioni commerciali relative a prodotti e servizi di Fit srl Società Benefit o di terzi, e per lo svolgimento di ricerche di mercato, via email, sms o posta, come descritto al punto 2 (c) della informativa

di acconsentire alla cessione dei miei dati personali, da parte di Fit srl Società Benefit, a soggetti che operano nelle seguenti categorie merceologiche: assicurazioni, intermediazione assicurativa, abbigliamento, arredamento, attrezzature e macchine per ufficio, automotive, editoria, elettronica, formazione, immobiliare, impiantistica, beni di largo consumo, orologeria e articoli di lusso, promozione turistica, servizi alle imprese, servizi internet e informatica, telefonia fissa e mobile, per finalità di marketing degli stessi, come descritto al punto 2 (d) della informativa.



Tutti i contribuenti IVA che hanno chiuso il trimestre con una posizione creditoria su imposta, possono domandarne il rimborso all'Agenzia delle Entrate mediante apposita istanza.


 

Cerchiamo dunque di comprendere quali siano i requisiti minimi per poter avanzare con successo un'istanza rimborso IVA, e quali sono i modelli da compilare.

 

Richiesta rimborso IVA: quando è lecito presentarla

 

Il primo punto da chiarire è che non tutti i contribuenti sono legittimati ad avanzare la richiesta di restituzione del credito IVA. Possono infatti accedere a questa opzione solamente i contribuenti che nel trimestre hanno realizzato un'eccedenza di imposta detraibile superiore alla soglia dei 2.582,28 euro e che:

 

  1. svolgono, prevalentemente o esclusivamente, delle attività attraverso le quali fatturano applicando aliquote Iva inferiori a quelle ordinariamente applicate per gli acquisti e per le importazioni;

  2. effettuano operazioni non soggette a Iva per oltre un quarto di tutte le transazioni effettuate;

  3. nell'ultimo trimestre hanno effettuato acquisti e importazioni di beni oggetti di ammortamento (macchinari, software, ecc.) per almeno due terzi del totale degli acquisti e delle importazioni;

  4. non risiedono in Italia, non hanno una organizzazione stabile nel nostro Paese, ma hanno comunque nominato un loro rappresentante sul territorio.

 

 

Credito IVA: ecco cosa farne

 

Il credito IVA, a scelta del contribuente, può essere ottenuto in restituzione o utilizzato in compensazione di altri tributi o contributi. In linea generale l'utilizzo in compensazione è consentito solamente dopo la presentazione dell'istanza rimborso IVA e non, pertanto, prima del compimento di questo atto formale.

l'istanza di rimborso iva viene richiesta da coloro che hanno superato una soglia prestabilita dall'agenzia delle entrate

Si tenga inoltre conto che se si supera il limite dei 5.000 euro annui di credito, è necessario utilizzare tale surplus a partire dal 16mo giorno del mese successivo a quello di presentazione dell'istanza rimborso IVA.

 

Documenti richiesta rimborso IVA

 

Stabilito quanto precede, non ci rimane che comprendere quali siano i documenti richiesta rimborso IVA, e in che modo presentarli all'Agenzia delle Entrate. In proposito, si tenga conto che in virtù della digitalizzazione dei servizi delle Entrate, la richiesta è inviabiletelematicamente, mediante apposito software messo a disposizione dallo stesso Fisco.

 

Sul sito internet dell'Agenzia delle Entrate trovate un'apposita sezione dedicata alla compilazione e all'invio del modulo di richiesta rimborso IVA.